L’Olio per Fernand Braudel

Si sente spesso parlare di Ancel Keys e della Dieta Mediterranea.

E’ conosciuta da tutti la definizione dello scienziato americano sull’olio extravergine di oliva, che considera questo alimento come la punta di diamante della Dieta Mediterranea.

Oggi mi piace riportare una voce meno nota, quella di uno storico francese, Fernand Braudel, che nella sua opera Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II così scrive:

“Appena un uomo mediterraneo lascia i suoi paesi familiari, si lamenta e si inquieta: così i soldati di Alessandro, quando il Macedone oltrepassa la Siria e avanza verso l’Eufrate, o gli Spagnuoli del secolo XVI nei Paesi Bassi, afflitti di vivere nelle nebbie del Nord.

Per Alonso Vàzquez e gli Spagnuoli del suo tempo (sicuramente per quelli di tutti i tempi), la Fiandra è il paese dove non crescono nè lavanda, nè timo, nè fichi, nè olive, nè meloni, nè mandorle; dove il prezzemolo, la cipolla, la lattuga non sanno di nulla; dove si preparano i cibi, cosa incredibile, con il burro di vacca in luogo dell’olio.”

 

 

Recommended Posts

Leave a Comment