L’olio extravergine di oliva è un succo di frutto!

A differenza di tutti gli altri prodotti per condire, l’olio extravergine di oliva è l’unico condimento che si ottiene unicamente attraverso un processo di estrazione meccanica. Per centrifugazione, sgocciolamento o pressione è possibile ricavare un vero e proprio succo di frutta.

Non tutti gli olii però possono fregiarsi del nome di extravergine. Per farlo devono possedere alcune caratteristiche peculiari.

IMG_4360

Secondo le norme Europee è considerato extravergine un olio che, spremuto meccanicamente a freddo, possiede un’acidità pari o inferiore allo 0,8% e un numero di perossidi pari o inferiore a 20. Ma la storia non finisce qui. Attraverso il “panel test”, un’analisi organolettica anch’essa regolata attraverso rigide norme europee, viene valutato il sapore, il colore, l’odore e l’aspetto dell’olio.

L’olio extravergine di oliva della Tenuta Colline di Zenone risponde a dei canoni di alta qualità. Infatti l’acidità di solito non supera lo 0.2% ed i perossidi non vanno oltre il 5. Attraverso il panel test, poi, vi è la valutazione organolettica con la mediana uguale a zero e la valutazione della mediana del fruttato, che di solito si attesta tra un leggero o un medio.

Aspettiamo dunque di spremere le olive dell’annata 2015 per tenervi aggiornati sui valori del nuovo olio extravergine Elàia della Tenuta Colline di Zenone.

Recommended Posts

Leave a Comment