Il Valore dell’Olio ad Atene

Solone promulgò leggi che incoraggiavano la coltivazione delle olive, la produzione e l’esportazione di olio e proibì di tagliare più di due alberi all’anno.

Aristotele, nella Costituzione degli Ateniesi, si spinse oltre, dichiarando che chiunque abbattesse un ulivo meritava la pena di morte.

I vincitori dei Giochi Panatenaici, che si tenevano ogni quattro anni in città in onore di Atena, ricevevano in premio enormi quantità di olio, addirittura fino a cinque tonnellate, oltre che un’esenzione dalle tasse sull’esportazione. I premi rappresentavano fortune considerevoli, perché il commercio dell’olio era molto redditizio.

Platone stesso sovvenzionò un viaggio in Egitto vendendo una partita d’olio, che con tutta probabilità veniva dai suoi alberi.

 

Recommended Posts

Leave a Comment