Gustare l’olio

IMG_2643GUSTARE L’OLIO
L’olio extravergine di oliva italiano è una garanzia di qualità per il mondo intero. L’eccellenza della nostra produzione è dovuta a un favorevole intreccio di territorio, storia e tradizione, come avviene anche nella Tenuta Colline di Zenone.

Malgrado ciò bisogna sempre prestare attenzione e saper riconoscere il buon olio. La degustazione è una tecnica raffinatissima, pari a quella del vino. Le caratteristiche organolettiche di questo prodotto, frutto delle sapienti tecniche di produzione dei maestri oleari, vengono assaporate dai più esperti assaggiatori, persone in grado di apprezzare le sue tante sfumature odorandone un bicchierino tiepido e assaporandone un solo cucchiaio.

Ma l’olio è un piacere quotidiano anche per i meno esperti, che possono gustarne facilmente le caratteristiche aromatiche e riconoscerne la qualità con piccoli accorgimenti. E, per apprezzare in maniera semplice le differenze di gusto, basta davvero la tradizionale fetta di pane con l’olio: una vera golosità, perché la magia dell’olio extravergine di oliva italiano è proprio quella di dare un sapore sempre nuovo anche all’alimento più abituale.
CONSISTENZA AL PALATO E ASPETTO VISIVO
Prima di tutto è importante riconoscere la fluidità giusta e caratteristica dell’olio di oliva: attenzione, quindi, alla sensazione eccessivamente densa e pastosa, che è indice di un prodotto grossolano di qualità inferiore. Osservare il colore dell’olio è un buon metodo per capire qualcosa di più del prodotto che stiamo per assumere a tavola. Una caratteristica dell’olio extravergine d’oliva, infatti, è quella di avere diverse sfumature di colore, tutte comprese tra il verde e il giallo; la variabilità della colorazione è dovuta ad alcune molecole e ad alcuni pigmenti presenti in natura nelle olive. La colorazione verde più o meno intensa è generata principalmente dalla clorofilla, mentre quella gialla dai caroteni.

Recommended Posts

Leave a Comment