Comm’a Fronne: viaggio nel mondo femminile.

Molto suggestivo è stato l’evento-degustazione svoltosi qualche sera fa nella Tenuta Colline di Zenone ad Ascea, presso l’antica città di Elea-Velia.

La serata si è aperta con la presentazione della poesia Itaca di Costantino Kavafis.

Il racconto è proseguito con la presentazione del Paesaggio Terapeutico, quale può essere un uliveto come quello della nostra Tenuta, a cui è seguita una degustazione di prodotti diversi del territorio, conditi con olio extravergine di oliva, un nutraceutico naturale, frutto di tanto lavoro e passione.

La serata si è conclusa con una rappresentazione teatrale all’interno dell’uliveto, dove è stato creato, con balle di fieno, una sorta di teatro greco, che ha visto come protagoniste diverse donne: si è passati dalla Domina delle Ville Pompeiane, alla Celebratrice dei riti a Zeus; da Semele alle Baccanti; dalla Lupa a Filomena Marturano, fino ad arrivare alla Zingara e ai canti popolari tratti dalla tradizione orale del Sud Italia.

Il tutto realizzato armonicamente da un’unica grande attrice, Tiziana D’Angelo, la quale è stata capace di tessere le fila di una ragnatela che legava a sè i respiri degli spettatori, immersi in un  religioso silenzio, interrotto alla fine da un unico grande applauso.

L’attrice, dunque, è riuscita a creare una magia che solo una grande professionista può realizzare.

 

 

 

Recommended Posts

Leave a Comment