A quarant’anni la Dieta Mediterranea è l’amica del cuore

Uno studio inglese, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, afferma che non è mai troppo tardi per iniziare a mangiare meglio.  Scegliendo una alimentazione di tipo mediterraneo, il rischio di infarti e ictus, anche per gli ultra quarantenni, si riduce di circa un terzo.

I consigli che derivano dallo studio sono quelli di

  • mangiare pesce almeno una volta a settimana
  • sostituire i cereali raffinati con quelli integrali
  • aumentare il consumo di grassi monoinsaturi, e quindi usare l’olio d’oliva
  • diminuire l’uso degli altri grassi
  • preferire latte e latticini a basso contenuto di grassi
  • optare per tagli di carne magri evitando il più possibile insaccati, salsicce, hamburger

A tutto ciò va aggiunto

  • un incremento consistente del consumo di frutta e verdura, fino a raggiungere le cinque porzioni quotidiane
  • riduzione del sale nella preparazione dei piatti
  • un drastico calo degli zuccheri aggiunti

Dopo tre mesi di studi, chi ha seguito le raccomandazioni ha guadagnato salute su tutti i fronti:

  • il peso è sceso di quasi un chilo e mezzo
  • il girovita si è ridotto di quasi due centimetri
  • si sono abbassate in maniera significativa pressione arteriosa e frequenza cardiaca
  • è calato il colesterolo.

Image

Tom Sanders, responsabile dello studio, osserva: «Questi risultati sono stati registrati in ultraquarantenni senza apparenti problemi di salute, ma questa è proprio la fascia di età in cui non raramente si è vittima di eventi cardiovascolari senza mai essere stati identificati come persone “a rischio”. Modificare la dieta serve dunque a tutti gli over 40, per assicurarsi un benessere duraturo».

Recommended Posts

Leave a Comment